La vita di un pazzo d'amore

Un innamorato davanti al computer in un mondo che va di fretta

  • Post più letti

  • Categorie

  • Archivi

  • Licenza del sito

    Creative Commons License
    "La vita di un pazzo d'amore" è rilasciato sotto licenza Creative Commons.
  • Donazione

    Dona a La vita di un pazzo d'amore

Non so cosa fare…quasi quasi do fuoco a un barbone…

Posted by mika29 su 24/11/2008

Tranquilli…stasera so cosa fare e anche se non avessi niente da fare non darei fuoco a un barbone (o clochard per essere più eleganti).

E’ solo un titolo provocatorio per descrivere quello che è accaduto a Rimini qualche giorno fa, il 10 Novembre.
Per la cronaca un gruppo di giovani ha dato fuoco a un senzatetto che dormiva su una panchina provocandogli ustioni gravissime sul 50% del corpo. Per ferite del genere si muore, ed è un miracolo che il clochard italiano sia ancora vivo.

clochardSi può pensare: “Sarà stato qualche altro barbone ubriaco che ha eseguito un regolamento di conti, in stile mafioso…”.

E invece no…oggi sono stati fermate le persone che hanno dato fuoco, bruciandolo letteralmente vivo, il barbone: sono un gruppo di 4 ragazzi appena 18enni di Rimini, tutti di buona famiglia.

La cosa agghiacciante è la motivazione data dai quattro giovani: “Ci stavamo annoiando, non sapevamo cosa fare…”, come per dire: scusateci ma abbiamo visto questo pezzente, avevamo un accendino in tasca e gli abbiamo dato fuoco. Tanto è un barbone, cosa vive per fare….

Purtroppo non è la prima volta che in Italia avvengono crimini del genere per opera di figli di papà, che teoricamente avrebbero tutto nella vita, ma che in realtà sono dei poveri miseri.

Anzichè mandare in galera questi giovani, che dovrebbero andare in centri di ricevimento per immigrati i centri Caritas, andrebbero arrestati i loro genitori per negligenza all’insegnamento dell’educazione.
Non vuol dire essere un buon padre passare 100€ a settimana ai propri figli perchè si ha tanti soldi, così dopo i figli hanno veramente tutto quello che vogliono e poi non sanno cosa fare (per fortuna non tutti sono così).

Impariamo a punire i figli e non a rimproverare gli altri quando dicono che i nostri pargoli hanno fatto qualcosa di sbagliato.
Anche il non ribrottare i professori quando sospendono gli studenti perchè rompono le sedie in classe può essere un passo avanti….

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: